PER UNA SCUOLA TRASFORMATIVA DELL’ESISTENTE

La tanto attesa riapertura delle scuole, in piena emergenza Covid-19, ha puntato la luce su ciò per cui le istituzioni non hanno mai trovato una soluzione concreta: le endemiche difficoltà e criticità del sistema scolastico.
Al tempo stesso, l’attuale situazione sanitaria ha generato innumerevoli domande sulle possibilità di fare scuola con metodi e strumenti differenti.
La scuola intesa come educazione e non come istituzione, dovrebbe essere uno spazio aperto in cui tutti i soggetti coinvolti (studentesse e studenti, genitori, lavoratrici e lavoratori) possano concorrere alla creazione di momenti di crescita personale e di discussione critica in un rapporto paritario e antiautoritario. Continue reading

Situazione lavoratori nell’attuale emergenza sanitaria

di Segreteria USI CIT Cooperative sociali FVG

Nonostante la situazione estremamente allarmante all’interno del contesto della emergenza sanitaria in atto veniamo informati, da diversi lavoratori e lavoratrici impegnati in diverse aree del territorio regionale nei servizi educativi e sociali di alcune cooperative impegnate in particolare nell’ambito della salute mentale, che molti di loro vengono tuttora costretti a prestare la propria opera.
In alcuni casi, ci viene riferito che NON vengono forniti di dispositivi di protezione individuale necessari date le condizioni. Inoltre, il fatto che questi utenti dei servizi appaltati alle cooperative sociali siano portatori di bisogni speciali rende del tutto evidente come  spesso non sia possibile mantenere la distanza fisica prescritta.
La cosa è particolarmente allarmante perché in questo modo si espongono i lavoratori e le lavoratrici, non solo al rischio di contrarre il virus che si sta cercando di arginare, ma anche di poter farli diventare essi stessi veicolo di diffusione, dal momento che intervengono in multipli contesti (anche in ambito ospedaliero, in prossimità dei reparti di emergenza). Continue reading

IL PCA NON DEVE CHIUDERE

Chiude a Pietrasanta il Progetto Comunità Aperta (PCA)  riportiamo qui sotto il loro comunicato:

“Dopo quasi 2 anni di agonia in merito ai finanziamenti, nel corso dei quali non sono mancate promesse dalle istituzioni, il PCA getta la spugna.
Pertanto, i prossimi giorni serviranno per indirizzare i pazienti c/o il Serd di Viareggio, già sotto organico, ovviamente molti utenti avranno grosse difficoltà, tuttavia siamo certi che a Viareggio troveranno una valida alternativa.
Approfittiamo anche per ringraziare il Presidente Luca Bonci che in questi anni è stato al nostro fianco per scongiurare la chiusura di questo servizio che ha dato un importante contributo per la cura delle dipendenze.” Continue reading

UNEBA E DINTORNI: SEMPRE PEGGIO!

Usi/Educazione – “Rinnovo” CCNL UNEBA

Il 10 dicembre ’19 è stato firmato un pre-accordo sul rinnovo del Contratto UNEBA, scaduto da ben 7 anni, tra le centrali cooperative e Cgil Cisl e Uil. Se temevamo che il rinnovo UNEBA avesse ricalcato quasi in tutto e per tutto il pessimo rinnovo del CCNL Cooperative Sociali, la realtà ha superato il nostro pessimismo. Mai infatti avremmo pensato che con questo rinnovo di categoria sarebbero riusciti a fare addirittura peggio!

  • Innanzitutto: il nuovo CCNL sarà 2017-2019, con consultazione dei lavoratori (e relativa entrata in vigore) a fine gennaio ’20. ENTRERA’ IN VIGORE GIA’ SCADUTO!
  • Per i 7 anni di “vacanza contrattuale”? Una una-tantum di 100€! Quando? Nel febbraio del ’21 (il rinnovo del CCNL Cooperative Sociali ha visto – sempre per 7 anni di ritardo – una una-tantum di 300€ – tre volte tanto – così erogati: 200 subito, 100 dopo qualche mese. Trovate voi le differenze).
  • L’aumento mensile sul minimo tabellare? 70€! (80 quello delle Cooperative Sociali); così ripartiti: 20 Euro da gennaio 2020 (contratto scaduto) – altri 30 da dicembre 2020 (contatto scaduto da 1 anno) – i rimanenti 20 Euro come sempre oggetto di contrattazione di secondo livello (e vedendo com’è andata la contrattazione nazionale siamo seriamente preoccupati…) erogati, a seconda di come andrà la contrattazione regionale, o al prossimo rinnovo contrattuale nazionale (sigh…) o dal 31 dicembre 2021 (contratto scaduto da 2 anni).

Continue reading

Usi/Educazione – Chiarimenti sulla figura professionale dell’educatore

EDUCATORE: CHE STANNO COMBINANDO?

Come già abbiamo comunicato, a livello normativo si sta definendo sempre più la figura dell’educatore. In realtà, c’è sempre molta confusione, un po’ perché c’è sempre stata confusione in materia, un po’ perché chi fa le leggi, non è così interessato alla chiarezza. Continue reading

16 settembre 2019 -Solidarietà ai precari delle scuole e dei nidi d’infanzia di Reggio Emilia

FACCIAMOLA FINITA CON IL PRECARIATO!

La sezione reggiana dell’Unione Sindacale Italiana (Usi-Cit) esprime piena solidarietà alle lavoratrici e ai lavoratori delle scuole e dei nidi d’infanzia del Comune di Reggio Emilia in lotta, per l’ennesima volta, per stabilizzare il proprio posto di lavoro. Infatti da anni l’amministrazione comunale, invece che per regolare concorso, preferisce assumere parte delle collaboratrici e dei collaboratori attraverso le cosiddette «chiamate sui presenti» del Centro per l’Impiego, destinando al precariato centinaia di lavoratori di un servizio così essenziale per la comunità reggiana. Anche quest’anno su un totale di più di 500 lavoratori delle scuole e dei nidi d’infanzia del Comune di Reggio Emilia circa 150 persone saranno costrette al ricatto della precarietà e dell’incertezza. Continue reading

NO alle telecamere negli asili e nelle case di riposo. NO ai tagli ai servizi sociali, di educazione e di cura. Pretendiamo tutele per chi lavora e per chi usufruisce dei servizi, NON CONTROLLO SOCIALE!

Venti milioni in cinque anni per gli asili; venti milioni per le case di riposo: i soldi, quando vogliono, li trovano. Serviranno a mettere telecamere negli asili e nelle case di riposo, a scapito della riservatezza di minori e anziani. Lo impone una norma del decreto sblocca cantieri. L’hanno votata Lega 5 stelle PD e FI. Un pretesto come un altro per estendere il controllo capillare ad altri pezzi di società, ad altre categorie di lavoratori.

Ovvio che certi episodi di cronaca sono raccapriccianti, ma non passa nemmeno per la testa che il lavoro educativo e di cura, in una società disattenta, violenta e competitiva a tutti i costi, possa divenire di giorno in giorno più logorante ed ancora più logorante sarà lavorare sotto l’occhio vitreo della telecamera.

Basta risparmiare su stipendi, competenze e formazione di chi lavora con le fragilità sociali!

Di fronte ad un ceto politico che si chiude contro il mondo del lavoro abbiamo due armi: autorganizzazione e azione diretta.

USI-CIT EDUCAZIONE

info-usieducazione@autistici.org