Cosenza – Scuola: NO al piano Renzi

Viviamo in una una società follemente competitiva, spietata, genuflessa al credo capitalista nonostante che la vita di tutti noi peggiori di giorno in giorno; in una società come questa la scuola deve restare baluardo dei valori di collaborazione, ascolto e comprensione reciproca, valori sempre vivi grazie a tanti insegnanti generosi e sensibili, curricolari e di sostegno, ed all’impegno di chi come noi opera nel sociale e, in particolare, nell’integrazione scolastica degli alunni disabili.

USI Cooperative Sociali sostiene senza riserve la lotta di USI-AIT Calabria

Per la Segreteria nazionale di USI-Cooperative sociali
Davide Milanesi Continue reading

Bologna: ancora diritti ignorati per motivi di bilancio

Un minore disabile che utilizza un deambulatore frequenta nel 2013 un Centro estivo di Bologna avvalendosi del trasporto comunale.

Lo stesso minore nel 2014 frequenta lo stesso Centro estivo con lo stesso deambulatore ma alla famiglia viene negato il servizio di trasporto per motivi di bilancio, benchè il Comune avesse garantito il trasporto a tutti i disabili dei Centri estivi.

Su invito del nostro collega Marco Martucci, socio-lavoratore della Cooperativa sociale Quadrifoglio, in cui è RSA, e dirigente provinciale dell’USB Privato di Bologna, la madre del minore ha chiesto altre due volte al Quartiere che fosse assegnato il trasporto ottenendo risposte negative.A questo punto il collega ha pubblicamente denunciato sul proprio blog il grave disservizio; dopo pochi giorni il Comune ha attivato il trasporto ma ha anche segnalato a Quadrifoglio il comportamento di Marco come deontologicamente scorretto e Marco ha ricevuto una contestazione di servizio!

NOI RITENIAMO IL COMPORTAMENTO DI MARCO DEONTOLOGICAMENTE ESEMPLARE

TUTTA LA NOSTRA SOLIDARIETÀ A CHI DENUNCIA LE INGIUSTIZIE

 Per la segreteria nazionale USI – AIT Cooperative Sociali

Davide Milanesi Continue reading

TRIESTE: Servizi educativi… e tre!

Giovedì 19 giugno, in occasione dello sciopero nazionale del pubblico impiego indetto dall’USB – Unione Sindacale di Base, quasi un centinaio di lavoratori e lavoratrici dei servizi educativi (asili nido, scuole dell’infanzia e ricreatori) della città si sono dati appuntamento in Piazza Unità sotto il Municipio.

L’obiettivo era quello di confermare la propria preoccupazione sul futuro dei servizi stessi e consegnare al Sindaco Cosolini e al Presidente del Consiglio comunale Furlanic le 1411 firme di genitori raccolte in sole due settimane per far dichiarare tutti i servizi educativi di Trieste essenziali e non fungibili.

Presente anche una delegazione dell’USI/AIT – Unione Sindacale Italiana, con bandiere e un volantino diffuso ai lavoratori in piazza. Continue reading

11 Aprile 2014: SCIOPERO DEI PRECARI DELLA SCUOLA

ANCHE I FANTASMI SCIOPERANO: GLI EDUCATORI SCOLASTICI

Come mai di 10 educatori 4 abbandonano questo lavoro in 6 mesi, 2 in un anno, 2 in due anni, 1 in tre, 1 dura al massimo per 5 anni?

FORSE PERCHÉ IN MOLTE SCUOLE…

  • le nostre competenze sono ignorate

  • siamo trattati come assistenti, ricattabili in quanto precari

  • non è previsto né ammesso che esprimiamo opinioni ufficiali sull’ambiente di lavoro

  Continue reading